Mario Bisaccia, ideatore del mezzo barcaiolo

0012perMC.jpg

LA SICUREZZA COME EREDITÁ

Grande alpinista, uomo sempre alla divulgazione e all’innovazione, Mario Bisaccia ci ha lasciato il nodo mezzo barcaiolo, adottato universalmente per l’assicurazione dinamica in parete.

di Pietro macchi e Adriano Castiglioni – foto archivio famiglia Bisaccia ( articolo tratto  da Montagne 360 – rivista mensile del CAI)

Alcune persone, nel corso della loro vita, lasciano al loro passaggio una traccia talmente profonda da essere ricordata per sempre e Mario Bisaccia è una di queste.

Nato a Varese nel 1929, Mario Bisaccia è stato un’importante alpinista sin dalla gioventù, divenne istruttore nazionale e accademico del CAI, e fu tra i primi componenti e motore della commissione materiali e tecniche, tanto che ancora oggi a distanza di oltre quarant’anni dalla sua scomparsa, avvenuta nel 1975 in Caucaso nel corso di un incontro UIAA , è ritenuta a livello nazionale come una persona di spicco nell’ambito del Club alpino accademico e del centro studi materiali e tecniche del CAI.

La sua attività alpinistica di alto livello lo ha portato a effettuare quasi tutte le salite classiche nell’arco alpino e a realizzare anche parecchie prime ascensioni tutt’ora molto valide. Tra esse alcune “prime ascensioni” nel gruppo del Monte Rosa; itinerari di grande bellezza e ambiente: la parete sud-est al Grand Fillar (via diretta), la parete sud del pizzo Bianco (via diretta) , lo spigolo est del piccolo Fillar, la parete sud della cima Iazzi (via diretta), oltre alla parete sud est del pizzo Trubinasca nel gruppo Masino Bregaglia.

UN CAPOSCUOLA

Bisaccia fu un vero caposcuola, non tanto per le sue indiscusse qualità alpinistiche, quanto per la qualità del proprio temperamento sempre aperto all’innovazione, alla sperimentazione, alla divulgazione e alla formazione.

Un uomo che è stato motivato da un autentico spirito di dedizione e impegno presenti  in tutto ciò che egli ha portato a compimento, che ben sintetizzava quello di una generazione di giovani varesini che nella riconquista del dopoguerra convogliava le energie verso l’attività alpinistica  a loro cosi congeniale, muovendo i primi passi sulla nostra montagna, il Campo dei Fiori.

Le capacità tecniche di Bisaccia, l’interesse per le sperimentazioni, le sue intuizioni nel campo dell’innovazione sono state certamente favorite da una meticolosità di cui sono riprova gli scritti e gli appunti che ci ha lasciato. Ma è stato il temperamento aperto,  mite e generoso, unanimemente ricordato, a conferire al suo operato il taglio della semplicità, una semplicità che egli auspicava anche per l’alpinismo.

Tuttavia, il suo lascito principale, a beneficio di generazioni di alpinisti che ancora oggi ne fanno largo utilizzo, è stato il lavoro di squadra svolto per l’adozione del nodo mezzo barcaiolo nell’assicurazione dinamica in alpinismo.

Nel 1973 si era infatti svolta ad Andermatt, nel canton Uri, un’importante riunione di lavoro della commissione metodi di assicurazione dell’UIAA, con i rappresentanti di diverse nazioni e la presenza italiana del CAI rappresentata da Mario Bisaccia, Pietro Gilardoni, e degli istruttori della scuola di Predazzo della guardia di finanza Pietro del Lazzer ed Emilio Marmolada, i quali proponevano l’adozione quale sistema frenate del nodo mezzo barcaiolo.

L’obiettivo era di effettuare un confronto diretto tra le tecniche di assicurazione in alpinismo studiate da delegazioni composte da alpinisti di primo piano, grande esperienza e differente nazionalità, al fine di stabilire, sulla base di severe prove tecniche, l’eventuale superiorità di mezzi ausiliari frenanti rispetto all’assicurazione a spalla ( o in vita ), eterno dilemma che ancora oggi appassiona gli alpinisti.

IL NODO MEZZO BARCAIOLO

Nel 1974 dopo un’attenta valutazione di tutti gli aspetti tecnici, il comitato esecutivo dell’UIAA dichiarava che il sistema di assicurazione italiano era il più efficace e veniva proposto e raccomandato come metodo UIAA.

Per raggiungere questo risultati sono occorsi anni di alpinismo di primo piano, competenza tecnica, dedizione, spirito di squadra.

Unknown-2.jpeg

Unknown-3.jpeg

“Nel 1974 il comitato esecutivo dell’UIAA dichiarava che il sistema di assicurazione italiano con nodo mezzo barcaiolo era il più efficace”